In un acquario marino il pH (cioé il valore che misura l’acidità/basicità dell’acqua) è una buona spia dello stato di salute di una vasca. I valori ottimali si attestano tra pH 8.00 e 8.30 (limiti: 7.80 e 8.50) con una leggera oscillazione durante l’arco della giornata: il pH è più basso durante la notte e più alto al momento in cui si spengono le luci.
In una vasca in fase di maturazione è normale avere un pH piuttosto basso per la presenza di materiale organico in decomposizione proveniente dalle rocce vive.

In una vasca matura e ben equilibrata, al contrario, il valore viene tenuto a bada dal “metabolismo” dell’intero micro-sistema. Nonché dall’effeto “tampone” dovuto alla presenza della sabbia corallina e di un eventuale reattore di Calcio.
In molte vasche, complice la presenza di troppi organismi (e delle loro relative deiezioni) l’acqua tende però ad avere un pH sempre piuttosto basso. Se ciò avviene anche durante l’arco della giornata (con valori che superano a fatica pH 8.00) è il caso di intervenire.

Bisognerà verificare la durezza dell’acqua misurando il dKH. Se dovesse essere inferiore a 7 occorre alzarlo. Per prima cosa dobbiamo verificare se il sistema lavora in modo equilibrato oppure se c’è troppa concentrazione di sostanze organiche dovute a un eccesso di pesci o di cibo rispetto all’impianto di filtraggio. Se non è questo il nostro caso, possiamo provare a ritarare il reattore di Calcio riducendo il flusso di CO2 oppure abbassando di un paio di punti il valore di pH sul quale scatta l’elettrovalvola. In questo caso, il risultato della taratura lo vedremo solo dopo alcune settimane mentre nei primi giorni assisteremo ad un ulteriore abbassamento del pH.

Nel frattempo possiamo intervenire con prodotti appositi. Esistono in commercio degli ottimi buffers, cioé prodotti tampone che dosati nella giusta quantità aiutano a tenere alto il dKH e di conseguenza aiutano a ridurre le cadute e le oscillazioni di pH.

Un altro ottimo sistema per tenere alto il pH è effettuare ogni sera un rabbocco goccia a goccia con acqua calcarea (kalkwasser). Questo sistema è ottimo perché aiuta anche a combattere i Fosfati e a tenere a livelli ottimali la concentrazione di Calcio in vasca.

INFO ARTICOLO:

 

Alberto Scapini - Claudio Rebonato  

 

 ( 24 dicembre 2003 )  

 

L'articolo è stato letto 7.980 volte

 

Articoli recenti

Cirrhitichthys aprinus

Cirrhitichthys aprinus può presentare colorazioni differenti che vanno dal grigio, bianco, verde, rosso e marrone.Vive nelle ...

Ctenochaetus hawaiiensis

Ctenochaetus hawaiiensis vive nell’Oceano Pacifico: dall’Australia alle Hawaii e nelle isole della Micronesia ad una ...

Synchiropus stellatus

Synchiropus stellatus popola l’Oceano Indiano occidentale: dal Mozambico settentrionale a Sodwana Bay, e l'Africa del sud. ...

Echinometra mathaei

Echinometra mathaei vive nell’Indo-Pacifico: dall’Africa fino alle Hawaii.Echinometra mathaei sviluppa da adulto un diametro della ...

Sinularia dura

Sinularia dura è molto comune nell’Indo-Pacifico, tuttavia, non ci sono informazioni sicure su questa specie. ...
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE