L’azione urticante di un Anemone è senza dubbio un fattore da tenere in considerazione. In caso di specie particolarmente urticanti, lo spazio disponibile per allevare altri coralli si ridurrà di molto. L’azione urticante, infatti, non è limitata al semplice contatto con il tessuto dell’Anemone, ma particelle urticanti (nematocisti) vengono rilasciate dall’invertebrato e trasportate dalla corrente in ogni angolo della vasca.

Una cosa importante da sapere è che gli Anemoni sono invertebrati “vaganti”: in acquario scelgono la posizione che più prediligono. A volte sono necessari molti giorni, settimane, o addirittura mesi perché si stabilizzino in un punto. Prima di acquistare un esemplare bisogna accertarsi che la propria vasca abbia le caratteristiche idonee al mantenimento di tale specie. Infatti, esistono Attinie che esigono un fondo sabbioso, altre che prediligono le rocce come materiale su cui posizionarsi.

Gli Anemoni hanno bisogno di vasche dedicate e i moderni acquari di barriera non sempre sono per loro un habitat idoneo. Consigliamo agli appassionati di orientarsi verso specie di Attinie che prediligono i fondi sabbiosi, come il caso di Macrodactyla doreensis.

INFO ARTICOLO:

 

Alberto Scapini - Claudio Rebonato  

 

 ( 24 dicembre 2003 )  

 

L'articolo è stato letto 7.462 volte

 

Articoli recenti

Gobiodon okinawae

Gobiodon okinawae – prende il nome appunto dall’isola di Okinawa – è presente ad una ...

Gramma loreto

Gramma loreto è una specie molto timida che vive in prossimità di fondali, predilige zone ...

Valenciennea puellaris

Valenciennea puellaris è presente nel Mar Rosso, Indo-Pacifico, Giappone e nella “Great Barrier Reef”. Si ...

Fromia indica

Fromia indica si trova di frequente nell’Indo-Pacifico, dalle Maldive alle Hawaii. Può raggiungere un diametro di ...

Studeriotes spp.

Studeriotes sp., classificato fino a pochi anni fa da molti autori con il nome di ...
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE