Certamente. Gli acquariofili più esperti sorridono quando sentono questa domanda. Eppure esistono molte persone che per anni hanno usato per i rabbocchi l’acqua marina invece dell’acqua dolce. La densità in vasca è modificata dall’evaporazione: quando scende il livello dell’acqua, evaporano solo le molecole d’acqua pura (H2O) mentre i sali rimangono in vasca. Per questo motivo il rabbocco deve essere effettuato con acqua di osmosi. E’ preferibile segnare un livello, anche ottico, ed ogni giorno aggiungere l’acqua, invece di lasciar passare alcuni giorni prima di farlo.

Nei moderni acquari sono previsti dei sensori galleggianti che, quando il livello dell’acqua scende, azionano una pompa situata in un serbatoio d’acqua dolce.

INFO ARTICOLO:

 

Alberto Scapini - Claudio Rebonato  

 

 ( 24 dicembre 2003 )  

 

L'articolo è stato letto 6.202 volte

 

Articoli recenti

Centropyge flavissimus

Centropyge flavissimus è diffuso nell’Indo-Pacifico. In Indonesia e in Malesia non è segnalato. Raggiunge una ...

Centropyge potteri

Centropyge potteri vive nel Pacifico orientale e alle isole Hawaii. La colorazione è costituita da ...

Pomacanthus navarchus

Sembra che la diffusione di Pomacanthus navarchus, un tempo classificato come Euxiphipops navarchus, sia limitata all’arcipelago ...

Cynarina lacrymalis

Cynarina lacrymalis è presente nell’Indo-Pacifico: dal Mar Rosso e dal Madagascar fino al Giappone meridionale ...

Nemenzophyllia turbida

Nemenzophyllia turbida è stata rinvenuta nella penisola del Sinai, lungo il litorale africano orientale e ...
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE