Altri aspetti legati alla presenza dell’uomo possono essere considerati ben più influenti: il degrado generale dell’ambiente o il turismo “selvaggio”, per fare un paio di esempi.

Certamente noi acquariofili possiamo fare molto per rendere il nostro hobby meno distruttivo. La riproduzione in acquario dei coralli avviene già in maniera massiccia, come del resto anche l’allevamento di organismi in speciali zone di mare riservate al commercio.

Alla salvaguardia delle specie contribuisce anche la conoscenza delle malattie che colpiscono i pesci marini, ed infine il rifiuto assoluto di acquistare esemplari che provengono da zone in cui si effettua la pesca con il veleno.

INFO ARTICOLO:

 

Alberto Scapini - Claudio Rebonato  

 

 ( 24 dicembre 2003 )  

 

L'articolo è stato letto 7.342 volte

 

Articoli recenti

Centropyge bicolor

Centropyge bicolor è diffuso nell’Indo-Pacifico: dall’Africa orientale fino alle isole Samoan e Phoenix, in Giappone ...

Centropyge flavissimus

Centropyge flavissimus è diffuso nell’Indo-Pacifico. In Indonesia e in Malesia non è segnalato. Raggiunge una ...

Pomacanthus arcuatus

Pomacanthus arcuatus popola l’Atlantico occidentale: dagli Stati Uniti alle vicinanze di Ryo de Janeiro, Brasile. Inoltre ...

Cladiella spp.

Nella vecchia letteratura era classificata come Sinularia brassicaCladiella spp. è molto diffusa in tutto l’Indo-Pacifico. ...

Mithrodia clavigera

Mithrodia clavigera mentre sta ritornando sotto la sabbia.Mithrodia clavigera popola il Mar Rosso e l’Africa orientale ...
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE