Chaetodon trifasciatus

Uno dei pesci più belli che io abbia mantenuto in acquario

Chaetodon trifasciatus popola i mari dell’Indo-Pacifico: dall’Africa orientale alle Hawaii e l’arcipelago di Tuamotu.
Chaetodon trifasciatus ha una forma ovale, linee ondulate solcano il corpo nella sua lunghezza e una linea verticale nera passa attraverso l’occhio. La colorazione di questo pesce evidenzia sfumature di colore che vanno dal bianco, passando al giallo e finendo al viola-azzurro. Un piccolo “schizzo” nero sulla parte superiore lo condraddistingue.
Si spinge fino a 20 metri di profondità e nuota quasi sempre in coppia. È territoriale ed aggressivo verso gli altri Chetodontidi.
Chaetodon trifasciatus si ciba esclusivamente di polipi d’Acropore – in particolare Pocillopora spp. – e d’altri frammenti d’invertebrati.

Fishbase http://www.fishbase.org/

 

Chaetodon trifasciatus – osservazioni in acquario

La conformazione particolare dell’apparato boccale e forse digerente, permette a Chaetodon trifasciatus di assumere solo pezzi di cibo piccoli, per non dire minuscoli. Dalle mie esperienze, posso affermare che quasi la totalità dei Chetodontidi che presentano questo genere di bocca, presentano difficoltà nutrizionali in acquario.
Indubbiamente la bellezza e il prezzo sempre contenuto dei Chetodontidi, inducono molti acquariofili ad acquistare questi pesci.
L’esemplare della foto è stato “sottratto” dalla vasca di un negoziante che non conosceva minimamente le esigenze di questa specie. Dopo una cura per varie patologie in corso, Chaetodon trifasciatus ha iniziato ad accettare bocconi di platessa fresca e altro pesce di carne bianca. Successivamente ha accettato anche Artemia salina, sia surgelata sia secca.
La qualità dell’acqua deve essere sempre impeccabile. In acque trattate anche minimamente con medicinali, questo pesce non accetta cibo.
E’ molto sensibile a parassitosi come Cryptocaryon irritans; per questa ragione una lampada battericida è stata sempre installata nell’impianto. La specie non va allevata con invertebrati di nessun genere.
Chaetodon trifasciatus in cattività si adegua a mangiare anche invertebrati che normalmente in mare non prende in considerazione: Discosoma spp., Coralli duri, molli. Nella vasca in cui l’ho allevato, ho lasciato tuttavia alcuni invertebrati che il pesce nel tempo ha distrutto. Credo che l’essersi cibato di loro abbia contribuito ad abbreviargli la vita.
L’alimentazione è stata sempre impegnativa, anche per la presenza di altri pesci più veloci nel catturare i bocconi di cibo. E’ stato nutrito, in modo mirato, due volte al giorno per quattro anni.
Tuttavia, come spiegato nell’articolo, la breve vita e le cure giornaliere necessarie, mi portano ad affermare che Chaetodon trifasciatus è una specie che senza nessun dubbio va lasciata in mare.

 

INFO ARTICOLO:

 

Claudio Rebonato  

 

 ( 17 novembre 2002 )  

 

L'articolo è stato letto 29.623 volte

 

Classificazione

Tipo

Chordata

Classe

Actinopterygii

Ordine

Perciformes

Sottoordine

Percoidei

Famiglia

Chaetodontidae

Nome inglese

Melon Butterflyfish

Foto di

Claudio Rebonato

Vasca di

Claudio Rebonato

Data inserimento

17 novembre 2002

Articolo specifico

SPECIE

Euphyllia paradivisa

Euphyllia paradivisa è diffusa in tutto l'Indo-Pacifico. Tuttavia la sua distribuzione non può essere segnalata ...

Cladiella spp.

Nella vecchia letteratura era classificata come Sinularia brassicaCladiella spp. è molto diffusa in tutto l’Indo-Pacifico. ...

Acanthurus achilles

Acanthurus achilles è diffuso nell’Oceano Pacifico nelle isole Caroline occidentali e nello stretto di Torres ...

Acanthurus lineatus

Un esemplare in compagnia di un gruppetto di Chromis viridis – foto Claudio Rebonato vasca ...

Pachyclavularia violacea

Pachyclavularia violacea con colorazione violetta e verde.Pachyclavularia violacea è largamente diffusa in tutto L’Indo-Pacifico. Questi ...
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE